Russell Brand si parla di dipendenza e di salute mentale: “Il sistema non funziona”

Russell Brand ha dettagliato le sue proprie esperienze con tossicodipendenza e malattia mentale in una nuova intervista, e ha dichiarato che “il sistema non funziona” per la maggior parte delle persone.

Parlando alla BBC, il comico e presentatore ha esplorato la natura mutevole del dibattito sulla salute mentale e gli atteggiamenti diffusi nei confronti della dipendenza e di altre forme di malattia mentale.

“La società sta collassando”, spiega, “e le persone stanno iniziando a riconoscere che la ragione per cui si sentono malati di mente è che vivono in un sistema che non è progettato per adattarsi allo spirito umano.

Pubblicità

“Le persone si stanno rendendo conto’ Aspetta un minuto, è naturale lavorare 12 ore al giorno? È naturale che vivo in un ambiente progettato per gli esseri umani da una prospettiva ma non da una prospettiva olistica?’Respirare aria sporca, mangiare cibo sporco, pensare pensieri sporchi. Quindi, in realtà, questo è un momento di transizione.”

Brand continua: “Sì, la conversazione sta cambiando perché la comunicazione sta diventando molto più conveniente, ma ciò che sta davvero cambiando è che le persone stanno iniziando a notare che il sistema non funziona per loro.”

Russell Brand celebrerà la recente uscita del suo nuovo libro, Recovery: Freedom From Our Addictions, con un intimo paio di stand up show all’Hammersmith Apollo di Londra il 1 ° novembre-i biglietti per questo sono disponibili qui.

http://link.brightcove.com/services/player/?bctid=656271570001

A maggio, Russell Brand ha sostenuto il leader laburista Jeremy Corbyn, dicendo a NME in una copertina che ” potremmo assistere alla fine della democrazia.”

Pubblicità

La famosa stella apolitica ha continuato: “Ti fa dubitare se un vero cambiamento può essere consegnato. Detto questo, se ascolti le promesse che il Partito laburista sta facendo, stanno parlando di riscuotere le tasse sulle società, annullare le tasse universitarie, eliminare i contratti a zero ore. Il che è strano, perché solo due anni fa c’erano due partiti centristi.”